Pubblicità Mobile

Consigli e suggerimenti: come incrementare i download delle tue applicazioni mobile

applicazioni mobile

Le applicazioni mobile rappresentano un modo sicuro, diretto e veloce per raggiungere il tuo pubblico. Il problema è che non sei solo, perché di applicazioni mobile ne esistono a migliaia. Per gli inserzionisti, la promozione della propria applicazione deve quindi inserirsi nel contesto di una specifica strategia di marketing. L’obiettivo: incoraggiare il download e l’uso dell’applicazione. Per farti risparmiare tempo, abbiamo pensato a 9 consigli e suggerimenti indispensabili.

Prima del lancio

Individua il modello di business adeguato

Non vendere la tua applicazione senza prima esserti fatto conoscere! Privilegia il modello freemium, oppure con abbonamento e prova gratuita (e senza carta di credito). Non c’è nulla di peggio che “pagare per vedere”. Innanzitutto adotta un approccio attrattivo e renditi indispensabile. Poi arriverà il momento di promuovere una formula premium pur mantenendo, se necessario, la versione gratuita.

Se ti affidi alla pubblicità per finanziare la tua applicazione, è importante trovare il giusto equilibrio per non nuocere all’esperienza utente. Non solo la pubblicità non deve essere invadente né rallentare l’uso dell’applicazione, ma deve anche essere efficacemente mirata. Il tutto, naturalmente, nel rigoroso rispetto della GDPR.

Infine, se l’applicazione è utilizzata solo al fine di procacciare affari per il sito web o partecipa al tuo ecosistema digitale esistente, assicurati di offrire un’esperienza unificata nell’ambito dei processi di ordine, pagamento, creazione degli account, ecc. L’esperienza deve essere fluida e priva di barriere. Ad esempio, non richiedere la creazione di un account se il cliente già ne ha uno sul tuo sito web.

Cura il design

La tua applicazione deve essere esteticamente gradevole, semplice ed intuitiva, nonché in grado di offrire una buona esperienza utente. Questo significa che il design e l’interfaccia utente devono esaltare le funzionalità chiave. Per conseguire questo obiettivo, occorre curare piccoli dettagli come il logo dell’applicazione, che deve essere facilmente riconoscibile sullo schermo dei telefoni, a volte sovraccarico.

Pensa anche a coloro che hanno difficoltà di accessibilità, prevedendo colori contrastanti o particolari livelli di zoom.

Infine, privilegia la semplicità e sottoponi la tua interfaccia a test approfonditi: da parte tua sei convinto che sia brillante e intuitiva, ma cosa ne pensano realmente gli altri?

Verifica la qualità della tua applicazione mobile

Assicurati che la tua applicazione sia priva di difetti. Questa operazione richiede un controllo di qualità intensivo e approfondito su tutti i dispositivi e i sistemi operativi (che può rappresentare una sfida per quanto riguarda Android, data la frammentazione del sistema operativo).

Velocità di download, velocità di lancio, visualizzazione verticale e orizzontale su schermi di tutte le dimensioni, utilizzo della batteria o dei dati…definisci le criticità e moltiplica i test. Se lo sviluppo iterativo è un metodo efficace per lavorare più velocemente, gli utenti finali aspirano solo a un’applicazione che funzioni bene, senza necessità di sapere cosa succede dietro le quinte.

Al momento del lancio

Diffondi la notizia

Dai tuoi negozi fisici al tuo sito web, dai social network o tramite il tuo team di vendita, utilizza tutti i canali esistenti per pubblicizzare e promuovere la tua applicazione. L’approccio qui è interamente omnicanale, perché l’obiettivo è quello di raggiungere il maggior numero possibile di persone.

Puoi inoltre utilizzare il tuo database clienti per incoraggiare il download (email marketing, SMS con link di download, ecc.). Infine, i link diretti a Google Play Store e all’App Store dalle tue firme e-mail, dalle landing page o dai siti partner (affiliati, siti di cashback, partner, comparatori di prezzo, ecc.) sono altrettante leve da sfruttare. Ognuno di questi link deve anche disporre di un URL specifico attraverso l’uso di tag UTM, per misurare accuratamente l’impatto dell’operazione.

Migliora l’ASO

Conosci la SEO? Scopri l’ASO. Letteralmente, è l’app store optimization. In sintesi, si tratta di un insieme di buone pratiche per rendere la tua applicazione visibile sui marketplace ufficiali. L’obiettivo è quello di trovare le parole chiave giuste per evitare di utilizzare descrittori generici e quindi altamente concorrenziali. Tra i tuoi margini di manovra: il titolo, la categoria e la descrizione dell’applicazione. Occorre essere impattanti ed educativi. Una sorta di elevator pitch per chi non ti conosce. Cura l’aspetto visivo e la scelta delle immagini: gli screenshot devono essere contestualizzati per spingere a saperne di più e a scaricare l’applicazione. Infine, puoi anche esplorare il sistema pubblicitario degli app store per far apparire la tua applicazione in cima alle ricerche per parole chiave utilizzate.

Investi nei contenuti

Che si tratti di contenuti organici/naturali o sponsorizzati attraverso influencer, SMA o SEA, più contenuti pertinenti condividi, maggiore sarà la possibilità di distinguerti dalla massa. In questo senso, lanciare un’applicazione mobile è come lanciare un nuovo prodotto: bisogna farlo conoscere e adottare un approccio strategico a 360 gradi per un ROI ottimale.

Pratica il guest-blogging, chiedi agli influencer di testare l’applicazione, crea dei video promozionali, testa la pubblicità online, ecc.

Dopo il lancio

Incoraggia le recensioni dei clienti

Viviamo in un ambiente in cui tutto viene giudicato e valutato. Per le applicazioni mobile, è la stessa cosa: migliore è la valutazione, con commenti pertinenti e utili, maggiore sarà la sua capacità di creare un circolo virtuoso, incoraggiando il download.

Per conseguire questo obiettivo, devi incoraggiare i tuoi clienti a esprimere la loro opinione. Notifiche in-app, promemoria via e-mail, meccanismo ludico di punteggio, sistema di ricompense, chatbot… esortali ad esprimersi, ma senza che questo diventi un obbligo o un disturbo!

Punta all’affiliazione

Grazie all’affiliazione, i siti partner possono parlare della tua applicazione in modo franco e naturale. Per conseguire questo obiettivo, non c’è nulla di meglio che affidarsi alla pubblicità a performance. Fornisci ai tuoi affiliati un media kit adeguato con argomenti, immagini e funzionalità chiave della tua applicazione. Potranno poi percepire un corrispettivo in base al numero di download, acquisti in-app o di abbonamenti, in base al tuo modello di business.

Monitora i KPI

Senza un monitoraggio efficiente, è difficile sapere cosa funziona. Questo vale anche per la tua applicazione. Percentuale di clic, tasso di download, confronto tra marketplace, tasso di fidelizzazione, tasso di utilizzo…è importante monitorare regolarmente tutte le metriche.

Questo ti consentirà di utilizzare le leve ottimali per l’incremento del ROI e di investire saggiamente per aumentare il numero di download della tua applicazione.

In un mondo competitivo come quello del download di applicazioni mobile, tutto deve essere perfettamente calibrato. Alcune applicazioni mobile hanno beneficiato di un entusiasmo repentino, ma nella maggior parte dei casi il ritorno all’anonimato è stato altrettanto brutale. Innanzitutto, punta a un approccio strategico, razionale e a lungo termine per tenere in vita efficacemente la tua applicazione.

Il nostro team di esperti può dirti di più sulle nostre campagne mobile a performance, quindi che aspetti a contattarlo?!

Tags : affiliazioneapp mobileapplicazioni mobilelogo
Anaïs | Kwanko

The author Anaïs | Kwanko

Leave a Response