Affiliate Marketing

5 BUONE PRATICHE PER SVILUPPARE UN PROGRAMMA DI AFFILIAZIONE INTERNAZIONALE

affiliazione

Il web e lo shopping online non conoscono più confini. Oggi è facilissimo acquistare un prodotto in Cina, ordinare un software negli Stati Uniti o un libro nel Regno Unito. Questo vale sia per i consumatori che per le aziende e gli inserzionisti. Una volta acquisita una buona conoscenza del mercato locale, il risultato logico è l’espansione internazionale. Tuttavia, per migliorare l’efficienza del tuo piano di sviluppo e per raggiungere più rapidamente le persone giuste, è essenziale avere un buon programma di affiliazione. Anche se questa decisione è razionale e logica, è importante prepararsi bene. L’internazionalizzazione del tuo programma di affiliazione può essere paragonata ad una vacanza all’estero: bisogna conoscere le basi della lingua, della cultura, essere consapevoli dei rischi sanitari e dei posti da evitare per godersi appieno il proprio viaggio. E con la nostra consulenza e delle buone pratiche, non avrai bisogno dell’assicurazione di rimpatrio!

1-lavorA SULLA PERTINENZA del TUO prodotto

Va bene, conosci il tuo prodotto, hai tutte le argomentazioni e gli affiliati giusti, ma sei sicuro che altrove funzioni allo stesso modo? Conosci i tuoi concorrenti nel paese che t’interessa? Una buona conoscenza delle abitudini e delle tendenze del mercato locale è essenziale per garantire dappertutto la pertinenza del tuo prodotto.

Per fare ciò, è necessario un lavoro di fondo per stabilire un piano d’azione adeguato: identificazione delle forze presenti, analisi della concorrenza, ricerca di dati socio-demografici… L’obiettivo è costruire un business plan che ti permetterà di “vederci più chiaro” quando sarai pronto ad iniziare.

2-TROVA DELLE AGENZIE attendibilI IN LOCO

Se non puoi o non vuoi fare tutto da solo, rivolgiti ad agenzie o aziende competenti che ti possano aiutare. In questo modo risparmierai tempo e potrai dedicare il tuo budget e la tua energia per lavorare in sinergia ed in modo complementare con loro, piuttosto che procedere da solo a tastoni. Scegliendo fin da subito una piattaforma di affiliazione con una rete globale ed una vera esperienza internazionale, l’apertura verso nuovi paesi sarà molto più facile.

Devi prenderti il tempo necessario per scegliere il tuo partner. Confronta le offerte, recati sul posto, incontra le persone e non fare affidamento su un sito web o su un discorso troppo commerciale in stile venditore.

Per evitare spiacevoli sorprese, scegli un partner che stia già sviluppando campagne in diversi paesi, con una buona copertura globale, e che disponga di una rete di editori internazionali e locali che copra tutti gli aspetti dei loro mercati. L’esperienza e la qualità sono le prime cose da controllare quando ci si avventura fuori dal proprio ambiente naturale.

3-ANTICIPA le fluttuazioni monetarie

I tassi di cambio possono variare da un mese all’altro e da un paese all’altro. Gli affiliati si aspettano di essere pagati nella valuta locale. Se il tuo prodotto viene venduto in un’altra valuta, devi essere sufficientemente flessibile e trovare i partner giusti che sappiano destreggiarsi con te tra le diverse valute.

Assicurati anche che la tua organizzazione finanziaria e contabile, così come le figure chiave del tuo reparto vendite e logistica, costituiscano parte integrante del tuo progetto di espansione. Se le spedizioni di un tuo prodotto all’estero hanno dei costi proibitivi o necessitano di un tempo troppo lungo, rischi di deludere i tuoi clienti. Nella tua azienda tutti devono avere in mente lo stesso obiettivo.

4-RIDUCI la barriera linguistica

La conoscenza dell’inglese è essenziale per la tua internazionalizzazione, ed anche per trovare delle agenzie partner. Se questo è un tuo punto debole, circondati di una squadra che abbia già avuto esperienza o che conosca le sfide internazionali.

Per la maggior parte del tempo ti basterà l’inglese, ma a volte ti capiterà di dover parlare in un’altra lingua. Gioca d’anticipo e fatti accompagnare da persone che possano tradurre per te. Equivoci o problemi di comprensione possono influenzare in modo decisivo il momento della firma di un contratto!

5-ADATTA IL TUO approccio

Se il tuo marchio non ha il potere o la fama di Google, Apple o McDonald, prenditi del tempo per adattare il tuo approccio al nuovo mercato: argomenti di vendita, stagionalità, esperienza di vendita, aspettative, immagini dei prodotti, slogan, testi… Prima di lanciarti nell’avventura dedicati a tutta questa serie di lavori preparatori.

Anche i materiali promozionali che fornisci devono essere adattati. Banner, e-mailing, stile e template del tuo design, veste grafica… Adattare i propri mezzi di comunicazione è un passo molto importante per garantire alti tassi di conversione. Non ti aspetta nessuno sul posto, quindi sta a te tracciare la tua strada con gli strumenti giusti.

Infine, sii chiaro sul tuo modello di business. È importante adattare i tuoi modelli di remunerazione per attirare nuovi affiliati, perché i modelli che applichi sul mercato interno possono differire molto da quelli esteri. Studiare, adattare ed offrire dei modelli attraenti per tutti i partner è una garanzia di fiducia e di qualità necessaria per iniziare al meglio la tua diversificazione internazionale.

Lo sviluppo di un programma di affiliazione internazionale può richiedere molto tempo perché la riflessione, lo studio ed il lavoro che l’accompagnano devono consentirti di preparare il terreno in modo adeguato. Questo tempo può essere notevolmente ridotto facendo affidamento su un partner esperto che conosca le varie problematiche. Come i tuoi clienti si fidano di te in quanto esperto nel tuo settore, anche tu dovrai riporre fiducia in un professionista dell’affiliazione internazionale

 

Se quest’articolo ti è piaciuto scarica il nostro ebook “Tutto quello che c’è da sapere per incrementare il rendimento delle proprie campagne digitali.” Puoi anche scoprire le nostre soluzioni di marketing per massimizzare le prestazioni o contattarci per ulteriori informazioni!

 

Laura Spitz

The author Laura Spitz

Leave a Response